Accesso civico
Accesso civico "semplice"
(art. 5, c. 1, d.lgs. 33/2013)
L’accesso civico è il diritto di chiunque di richiedere i documenti, le informazioni o i dati che la Società abbia omesso di pubblicare, come per legge.
Se il documento, l’informazione o il dato richiesti risultano già pubblicati nel rispetto della normativa vigente, il Responsabile Trasparenza indica al richiedente il relativo collegamento ipertestuale.
La richiesta è gratuita, non deve essere motivata e va presentata:
- tramite mail all’indirizzo: trasparenza@amiavr.it
- tramite posta ordinaria all’indirizzo: Via Bartolomeo Avesani, 31 - 37135 Verona
- tramite fax al n. 045.8063311
Il Responsabile Trasparenza entro 30 giorni, pubblica sul sito istituzionale il documento.
In caso di mancata pubblicazione entro il termine di 30 giorni, il richiedente può ricorrere al soggetto titolare del potere sostitutivo il quale, dopo aver verificato la sussistenza dell’obbligo di pubblicazione, pubblica tempestivamente e comunque non oltre 15 giorni quanto richiesto.

Titolare del potere sostitutivo è il Direttore Generale Maurizio Alfeo il cui indirizzo è: amia.verona@amiavr.it

Accesso civico "generalizzato"
(art. 5, c. 2, d.lgs. 33/2013)
L’accesso generalizzato si delinea come affatto autonomo ed indipendente da presupposti obblighi di pubblicazione e come espressione, invece, di una libertà che incontra, quali unici limiti, da una parte, il rispetto della tutela degli interessi pubblici e/o privati indicati all’art. 5 bis, commi 1 e 2 del D.Lgs. 97/2016, e dall’altra, il rispetto delle norme che prevedono specifiche esclusioni (art. 5 bis, comma 3).
Sotto il profilo dell’ambito oggettivo, l’accesso civico generalizzato è quindi esercitabile relativamente “ai dati e ai documenti (…) ulteriori rispetto a quelli oggetto di pubblicazione”, ossia per i quali non sussista uno specifico obbligo di pubblicazione.
AMIA Verona S.p.A. consente l’accesso generalizzato “limitatamente ai dati e ai documenti inerenti all'attività di pubblico interesse disciplinata dal diritto nazionale o dell'Unione Europea”.
Le istanze di accesso non devono essere generiche, ma consentire l’individuazione del dato, del documento o dell’informazione, con riferimento, almeno, alla loro natura e al loro oggetto.
La richiesta di accesso è gratuita e va indirizzata al Responsabile Trasparenza che ne valuterà l’ammissibilità, motivando il diniego o l’accoglimento della richiesta stessa, come previsto da apposito Regolamento interno e deve essere presentata:
- tramite PEC all’indirizzo: amia.verona@cmail.autenticazione.it
Per quanto non espressamente previsto in questo articolo si fa riferimento a quanto previsto dalla norma (D.Lgs. 97/2016) e dalle Linee Guida ANAC (Delibera 1309/2016).

Registro Accesso Civico