Il Servizio, il territorio, gli Enti
A seguito del coinvolgimento degli Enti locali nella gestione degli infestanti di rilevanza sanitaria, nel nostro Comune, si è scelto di costruire ad hoc una struttura competente, dinamica e moderna per il Pest Managment.

Negli anni, la sorveglianza e la gestione sanitaria di queste problematiche è andata via via maturando ed organizzandosi secondo gli standard più moderni fino a raggiungere, nel territorio del nostro Comune, ad una sinergia di strutture coinvolte che, in collaborazione continua, assicurano ampia organizzazione, puntuale monitoraggio, progettazione e conduzione di servizi che portano alla soluzione/gestione di ogni problematica di Pest Management. Le strutture di cui trattasi sono le seguenti:

  • il Comune di Verona, erogatore di fondi, committente specializzato e controller di servizio (Coordinamento Ambiente)
  • l’U.L.S.S. 20, massima competente tecnico scientifica, verificatrice dei progetti di gestione, controller di servizio;
  • Il Servizio di Prevenzione Biologica di AMIA Verona S.p.A., progettista ed erogatore di servizio, occhi per il Comune e l’U.L.L.S.20,braccia a disposizione di tutti i soggetti del nostro territorio, pubblici e/o privati che siano.

  • In particolare, nel territorio del Comune di Verona, il Servizio di Prevenzione Biologica attua dei piani di gestione per la lotta ed il controllo Murino (topi e ratti) e per la lotta e controllo Culicidae (zanzara tigre e zanzara comune). Nello specifico sono i seguenti:

    Metodiche e strumenti di controllo Murino sul territorio pubblico

  • La sorveglianza e la riduzione della popolazione murina infestante viene condotta attraverso i seguenti interventi periodici:

  • Pulizia e bonifica delle aree pubbliche infestate (rimozione di rifiuti di vario genere, della vegetazione e di altro materiale che fornisce riparo e protezione ai topi ed ai ratti)

  • Campagna d’informazione ai cittadini finalizzata alla prevenzione e alla riduzione delle cause d’infestazione ambientale

  • Interventi di derattizzazione con l’utilizzo di box erogatori contenenti esche rodenticide ad azione anticoagulante con amaricante per la salvaguardia della fauna non target

  • Mappatura del territorio che riportante tutti i punti di adescamento attivati e la percentuale di consumo delle esche

  • Continuo monitoraggio periodico dei box erogatori in base al consumo, attività finalizzata a definire e controllare i principali focolai per intervenire con la massima accuratezza


  • VANTAGGI derivanti dall’utilizzo dei box erogatori:

  • Assenza di dispersione nell’ambiente di sostanze tossiche riduzione drastica della possibilità di avvelenamento accidentale della fauna non target.

  • Precisa conoscenza del sito di ubicazione della tipologia delle esche, della data di ricarica, e del consumo di queste.

  • Possibilità di collocare una diverse qualità e quantità di derattizzante e di valutare l’efficacia dell’intervento



  • Metodiche e strumenti di controllo Culicidi (zanzara comune e zanzara tigre) di prevenzione, sorveglianza e controllo alla diffusione della zanzara tigre sul territorio pubblico

    Nel territorio pubblico del Comune di Verona vengono eseguiti dall’Ulss 20 il monitoraggio e il censimento dei focolai larvali durante tutto il periodo di attività delle zanzare (Aprile-Ottobre), con la finalità di identificare i siti maggiormente sensibili all’infestazione e monitorare l’efficacia dei trattamenti effettuati durante le campagne di disinfestazione.

    Il controllo dell’infestazione viene attuato tramite l’applicazione di prodotti antilarvali in grado di alterare lo sviluppo larvale inibendo la comparsa dell’insetto adulto (regolatori di crescita degli insetti - IGR), nelle caditoie (“tombini stradali”) e nelle bocche di lupo presenti sul territorio pubblico,durante il periodo che va da Aprile ad Ottobre in n. di 7 cicli stagionali più due cicli aggiuntivi per le Circoscrizioni III e V.

    Gli interventi adulticidi vengono eseguiti nei parchi pubblici e nelle principali aree verdi durante il periodo che va da Aprile ad Ottobre in n. di 6 cicli stagionali.

    nfine, poiché la difficoltà nel contrastare la diffusione della zanzara tigre risiede soprattutto nella disponibilità di un elevato numero di focolai dispersi sul territorio per lo più in proprietà private, AMIA Verona S.p.A. promuove azioni d’educazione e sensibilizzazione rivolte a tutta la cittadinanza (volantini informativi, conferenze presso le circoscrizioni e nelle scuole, banchetti informativi nelle fiere-mercati rionali,ecc.) con la finalità di coinvolgere la popolazione nella lotta alla diffusione della zanzara. Solo attraverso la partecipazione dei cittadini può essere infatti possibile controllare in maniera più efficace il grado d’infestazione presente nel territorio comunale.